POLITICA

LA SVIZZERA SI RIFIUTA DI USCIRE DELLO SPAZIO SCHENGEN

Il popolo svizzero ha bocciato domenica 27 settembre l’iniziativa proposta dall’Udc (partito politico di estrema destra) con una percentuale del 62% per il NO, dimostrando in questo modo di mantenere nei migliori termini gli accordi bilaterali con l’Unione europea.

Nel bel mezzo di un forte dibattito che ha coinvolto sindacati, intellettuali, scienziati, imprenditori e parte dei rappresentanti del governo; che si sono uniti in una forte campagna per il NO, gli stessi che non hanno abbassato la guardia davanti all’iniziativa dell’Udc che hanno sostenuto alcuni aspetti negativi secondo le loro tesi come: il dumping salariale più l’arrivo massiccio di stranieri in un piccolo paese come la confederazione Helvetica e un leggero calo del livello scolastico nel bellissimo paese alpino.

Un referendum che, a differenza dell’analogo del 2014, racconta il buon senso comune del popolo svizzero e dà serenità al suo attuale governo per poter discutere sui futuri accordi con l’Unione Europea.

Comments

comments

Articoli simili

CATALOGNA, ULTIMATUM DI MARIANO RAJOY: FERMATEVI ENTRO LUNEDI’

Redazione

MIGRANTI, ALT DI FRANCIA E SPAGNA ALL’ITALIA: NO AGLI SBARCHI NEI NOSTRI PORTI, BRUXELLES PRESENTA NUOVE MISURE

Redazione

SCONTRO SU IUS SOLI, SALVINI ATTACCA A LAMORGESE

Redazione
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it