EVENTI

IL MUSEO LANCIA TRAIN STORIES LA SUA PRIMA APP IN REALTÀ AUMENTATA

Un viaggio digitale alla scoperta del convoglio Valigia delle Indie e del Padiglione Ferroviario del Museo
Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci
Via San Vittore, 21 –

Il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci lancia Train Stories, la sua prima app in realtà aumentata sviluppata da DOING, l’agenzia digitale parte del gruppo Capgemini. Train Stories è un’appdedicata all’affascinante storia della Valigia delle Indie, il convoglio ferroviario che collegava settimanalmente Londra a Bombay ed attraversava parte della Francia e della neo nata Italia tra la fine del 1800 e i primi anni del 1900, e, più in generale, a tutti i pezzi storici presenti all’interno del Padiglione Ferroviario del Museo

Entrando nella prima sezione del menu, La Valigia delle Indie, sarà possibile rivivere, accompagnati dal simpatico personaggio Guido la Guidail viaggio della locomotiva dall’Europa fino in India scoprendo come, grazie all’attraversamento via terra, si riducesse il tempo di percorrenza a soli 22 giorni rispetto ai diversi mesi di navigazione che occorrevano passando per l’Oceano Atlantico e quello Indiano. Non solo, grazie alla realtà aumentata, si potrà passeggiare per il lussuoso vagone ristorante, ricostruito come quello dove i passeggeri pranzavano nel 1870, e ammirare le porcellane e gli arredi dell’epoca. Infine, selezionando la voce Come funziona , si avrà accesso all’interessante studio sul funzionamento di una locomotiva a vapore.

La seconda sezione del menu, Il Padiglione Ferroviario del Museo, è invece dedicata all’esplorazione dei trasporti su rotaia grazie a videoguide, audioguide e schede informative. 
Partendo dalla mappa del Padiglione e scegliendo uno dei convogli, si potrà ascoltare il curatore Marco Iezzi che ne svelerà gli highlights, la storia e i segreti: dalla Locomotiva E 430 del 1900, la prima a trazione elettrica, alle motrici a vapore Gr 691 e 685 che hanno reso possibile i primi grandi movimenti di persone attraverso la penisola a partire dagli anni Venti, fino ai primi mezzi pubblici urbani, quali l’OMNIBUS e il Gamba de Legn, che portavano gli operai nelle fabbriche della nuova Milano industriale. 

Lo sviluppo dell’app Train Stories si inserisce all’interno di una più ampia missione del Museo volta all’utilizzo dei linguaggi e delle tecnologie digitali per la valorizzazione del proprio patrimonio, sia come parte dell’esperienza della visita, sia al di fuori sfruttando la rete e le tecnologie mobili. La fruizione digitale dei contenuti, infatti, premette di coinvolgere il pubblico in esperienze stimolanti che differenziano e arricchiscono la visita museale, e offre la possibilità di rendere veicolabili anche i contenuti più complessi in modo semplice e immediato. È questo il caso ad esempio della realtà aumentata utilizzata per l’app Train Stories che permette di raccontare aspetti delle collezioni museali anche riportando in vita cimeli che non esistono più, grazie a uno strumento di esplorazione, narrazione interattiva e ricostruzione virtuale. 


STORIA DELLA VALIGIA DELLE INDIE

La “Valigia delle Indie” era il famoso convoglio che collegò Londra a Bombay tra il 1870 e il 1914.
Era composto da un bagaglio postale, due carrozze letto e una vettura ristorante.
Dopo l’apertura nel 1871 della Galleria del Frejus che collega Francia e Italia, la compagnia inglese Peninsular&Oriental decise di far passare la “Valigia” lungo l’Italia. Grazie al nuovo tragitto, coprì la distanza tra Londra e Brindisi in sole 47 ore per poi proseguire a bordo di un piroscafo lungo il canale di Suez verso l’India.
Grazie all’abolizione di frontiere e dazi doganali all’interno del Paese, si semplifica lo scambio di merci e il passaggio di viaggiatori.
Il passaggio in Italia dela “Valigia” rappresenta un segno tangibile dell’unità geografica e commerciale italiana.
Nella tratta italiana la “Valigia delle Indie” veniva trainata dalla locomotiva Gr 552, ora esposta al Museo.
La locomotiva a vapore Gr 552 era affidabile e veloce. Per questo era stata scelta per trainare i treni sulle tratte più importanti del nostro Paese.


SPECIFICHE DELL’APP TRAIN STORIESSviluppatore DOING part of CapgeminiLingua italiano e ingleseSistema operativo Android e iOS, disponibile su tutti gli smartphone che supportano ARPEGI 6Durata dell’esperienza 10-15 minutiElementi interattivi realtà aumentataDisponibilità in store 2 luglio 2020
CREDITS
Team Doing part of Capgemini:Dario Mauri: sviluppatore ARRosaria Velleca: designer UX/UIGiuseppe Di Rienzo: Project ManagerFabio Sottocasa: Client ManagerAlessandro Achilli: Business Team Leader

 INFO PER IL PUBBLICO
Info sul programma: www.museoscienza.org
Giorni e orari di apertura: giovedì dalle 15 alle 21sabato e domenica dalle 10 alle 19non è previsto un tempo massimo di permanenzaBiglietti:  acquisto e prenotazione di data e orario dell’ingresso e della visita guidata, online al link https://www.museoscienza.org/it/visitare/biglietti oppure telefonando allo 02 48555330, attivo da lunedì a venerdì dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17i titolari di membership card del Museo devono acquistare il biglietto gratuito e prenotare la visita guidata, telefonando allo 02 48555330 attivo da lunedì a venerdì dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17 oppure scrivendo a accoglienza@museoscienza.iti titolari di un abbonamento o di una convenzione devono acquistare il biglietto e prenotare la visita guidata, telefonando allo 02 48555330 attivo da lunedì a venerdì dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17 oppure scrivendo a accoglienza@museoscienza.itper evitare assembramenti è importante essere puntualiUltimo ingresso: 1 ora prima della chiusura del Museo
Must Shop:  giovedì dalle 15 alle 21 e sabato e domenica dalle 10 alle 19Regole per contrastare la diffusione del Covid-19:  potranno accedere 30 persone ogni 30 minutiall’ingresso del Museo ai visitatori sarà misurata la temperatura corporea che non dovrà superare i 37,5° C; diversamente non sarà consentito entrare al Museo per tutelare la sicurezza dei i visitatori e del personaledurante la permanenza all’interno del Museo sarà obbligatorio indossare sempre la mascherina all’ingresso e lungo il percorso di visita saranno presenti erogatori di gel igienizzante che andrà utilizzato prima di toccare tutte le installazioni interattive e i touchscreen presenti nelle esposizionidurante la visita sarà necessario mantenere la distanza di almeno 2 metri dalle altre personenon sarà disponibile il guardaroba non sarà consentito consumare cibo e bevande nelle aree interne al Museo.
 
 

Comments

comments

Articoli simili

FINALISSIMA WIND SUMMER FESTIVAL 2018 AREA EXPO Experience

Massimo Dal Seno

Al via a Milano il primo distretto Fintech italiano

Redazione

Lucca Comics & Games 2019 Le novità dell’Area MOVIE

Massimo Dal Seno
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it