WINE TIME

WINE TIME: I SENSI E IL VINO

Praticamente tutti sanno che bisogna fare tre cose per analizzare un vino: osservare, annusare e assaggiare. Giusto? 

Bere con gli occhi!

La prima mossa quando si tiene il bicchiere è quella di guardare il colore del vino.  Cerca sempre di farlo con uno sfondo bianco (un foglio, per esempio). In questo modo vedrai il vino molto vicino al suo vero colore. È importante avere dei calici sempre puliti e cristallini.

L’obiettivo è individuare il colore del vino: la prima cosa che inizio a notare è la sua tonalità. 

Per i rossi: quando il colore è più verso il rubino, più giovane è.  Quando inizia ad ottenere un colore ambrato (arancione) sta svelando le caratteristiche della sua età più “avanzata”. 

Per i bianchi: più è pallido, verdastro e giallo paglierino, più giovane è.  Quando inizia a guadagnare corpo e diventa più scuro, inizia a mostrare i segni di un vino con più anni. 

Per i rosati: fai la stessa valutazione con l’intensità del colore.

Sapevi che i vini piangono? 😭😃

Un altro punto che gli intenditori amano guardare sono le “lacrime”, le quali danno un’idea del corpo e della quantità di alcol e si formano sulle pareti del calice. 

Delle lacrime ben definite mostrano che l’alcool è presente ed evapora dal vino. Nel

caso non ce ne siano molte, vuol dire che c’è una quantità minore di alcool. 

Al naso …

Una delle fasi dell’analisi di cui se ne parla di più è quella degli aromi che il vino rilascia.  Ci sono davvero infinite probabilità e le tue sensazioni si baseranno sulla quantità di aromi che conosci: la tua memoria olfattiva. 

 Finalmente … il vino in boca!

Bisogna “giocare” con il vino dentro la bocca prima di deglutire per analizzare l’acidità, il tannino, la dolcezza e l’alcool.

 L’acidità viene percepita sul lato della lingua.  Dopo la deglutizione tendiamo a salivare molto se il vino è acido.

Il tannino, presente solo nei rossi, dà una sensazione astringente in bocca, notata principalmente nelle gengive.

 La dolcezza si fa sentire sulla punta della lingua.

 L’alcol si fa sentire sulla lingua e sulla gola, dopo aver deglutito lasciando una sensazione di calore.

Ora valuta l’intensità di questi quattro elementi e…voilà!  Sorseggia pure il tuo vino, goditi i tuoi amici o il ​​tuo momento di relax!

Comments

comments

Articoli simili

ECCO ALCUNI CONSIGLI IMPORTANTI PER CONSERVARE I VINI

Vanessa Medeiros

WINE TIME: IL VINO D’ESTATE

Vanessa Medeiros

L’INFLUENZA DELLA VENDEMMIA SULLA QUALITA’ DEI VINI

Redazione
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it