ATTUALITA'

RIAPRE WUHAN DOPO 76 GIORNI DI RESTRIZIONI

Wuhan ritira le restrizioni e riapre ottimista

Dopo 76 giorni, Wuhan, il focolaio della pandemia del coronavirus, vedrà cadere la serie di restrizioni più vincolanti decise il 23 gennaio negli sforzi per contenere la diffusione del contagio, tra cui la possibilità di lasciare la città.

Molti residenti hanno ricominciato a lavorare e ad andare fuori, con molteplici precauzioni come per la app che assegna lo stato di salute ai singoli e quindi possibilità di muoversi, per il ‘guozao’, il termine dialettale vecchio di secoli che indica la colazione. Lo sblocco arriva quando i nuovi casi di coronavirus sono stati ormai azzerati a Wuhan, mentre per la prima volta dal 23 gennaio, la città, l’Hubei e l’intera Cina non hanno riportato alcun decesso.

Hanno raggiunto la cifra di 75mila i morti a livello globale in seguito alla pandemia da coronavirus, stando ad un conteggio della Afp. La maggior parte delle vittime di coronavirus sono state registrate in Europa che resta il continente più colpito, secondo i calcoli della France Presse. Sono infatti 53.928 i morti del Covid-19 nel Vecchio Continente, con l’Italia che detiene il triste primato delle vittime (16.523), seguita dalla Spagna (13.798), e dalla Francia (8.911). Anche negli Stati Uniti c’è un alto numero di morti di coronavirus, 10.993. Dall’inizio della pandemia sono state contagiate nel mondo 1.350.759 persone, di cui 708.898 in Europe, 384.947 negli Stati Uniti e Canada e 122.348 in Asia.

La Cina ha registrato lunedì 32 casi di contagio da coronavirus, tutti importati, e per la prima volta nessun decesso. E’ quanto emerge dagli aggiornamenti quotidiani della Commissione sanitaria nazionale (Nhc).

Comments

comments

Articoli simili

SESTO FESTIVAL DEI BENI CONFISCATI ALLE MAFIE

Redazione

AFRICA DAY RADDOPPIA OFFERTA E SUCCESSO A CASCINA CASOTTELLO, IL “LUOGO DEL CUORE” DELLA MILANO MULTIETNICA

Claudia Mazzucco

NIENTE PIU’ ARAGOSTE VIVE IN PENTOLA

Massimo Dal Seno