POLITICA

HONG KONG: POLIZIA CONTRO I MANIFESTANTI, SALE LA TENSIONE DOPO MARCIA PACIFICA

Sale la tensione dopo la marcia pacifica al consolato Usa

L’inizio pacifico dell’iniziativa, seguita da migliaia di agenti della polizia, ha avuto momenti di tensione sul finire quando la stazione della metropolitana di Hong Kong è stata chiusa per impedire l’afflusso di altre persone. All’ingresso è stato appiccato un incendio, spento poi dai vigili del fuoco.

Decine di migliaia di manifestanti, sventolando bandiere a stelle e a strisce e scandendo slogan come “Trump aiutaci”, hanno partecipato a Hong Kong al corteo partito da Chater Garden, nel centro della città, e finito davanti al consolato americano.

La polizia è ricorsa ai lacrimogeni nel tentativo di disperdere i manifestanti che su Hennessy Road, nel cuore di Hong Kong, hanno formato barricate per bloccare la circolazione stradale.

L’attivista pro-democrazia Joshua Wong, leader del ‘movimento degli ombrelli’ del 2014, è stato di arrestato all’aeroporto di Hong Kong di rientro da un viaggio a Taiwan per la violazione delle regole della libertà su cauzione, seguito all’arresto di agosto, che prevedevano, tra l’altro, l’obbligo di dimora dalle 23 alle 7.

“Sono stato arrestato questa mattina dalla polizia per le violazioni delle condizioni del rilascio su cauzione e sono attualmente tenuto in custodia”, ha scritto Wong in un messaggio affidato ai legali e poi diffuso sui social media dal suo partito politico Demosisto.

Comments

comments

Articoli simili

ELEZIONI ITALIANE: QUANTO COSTANO I PROGRAMMI DEI PARTITI?

Redazione

TAORMINA: LE NUOVE SFIDE DEL G7, ”SUI MIGRANTI BUON COMPROMESSO”

Redazione

DIMISSIONI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO GIUSEPPE CONTE

Redazione
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it