SPORT

La battaglia costante per trovare il prossimo supercarburante chi la vincera’

Quando un aggiornamento del carburante di gara colpisce la pista, è il culmine di mesi e mesi di duro lavoro da parte di un team dedicato alla base. Gli specialisti del carburante possono ricevere fino a 20 formulazioni prima di confermarne una pronta per la traccia. Incontriamo Eugene Choi, che è responsabile dello sviluppo del carburante da gara Esso Synergy ™ fornito all’Aston Martin Red Bull Racing, per saperne di più …
 
 
L’Aston Martin Red Bull Racing è alla sua terza stagione con ExxonMobil. Come è cresciuta e si è evoluta la relazione nel tempo?
 
La relazione con Aston Martin Red Bull Racing può essere descritta solo come eccitante. Anno dopo anno, abbiamo visto migliorare la relazione e la comunicazione e questo ha avuto un impatto positivo sul prodotto e sulle prestazioni. L’impegno di Aston Martin Red Bull Racing a vincere, come abbiamo visto recentemente in Austria, è contagioso e fa sì che tutti lavorino ancora più duramente per aiutarli a raggiungere questo obiettivo. Honda condivide lo stesso impegno e credo che i tre marchi stiano tutti lavorando insieme per raggiungere un obiettivo comune.
 
 
Come si fa a trovare il prossimo potenziamento del carburante per la squadra?
 
Le nuove formulazioni di carburante sono state progettate da esperienze passate sul motore e considerazioni fondamentali sulla chimica di combustione. Ora che siamo nel terzo anno della partnership, abbiamo una banca di informazioni, che prendiamo in considerazione quando creiamo nuove formulazioni di carburante per i test. Ogni volta che Honda introduce un nuovo propulsore, offre l’opportunità di ottimizzare la chimica del carburante in grado di massimizzare le prestazioni del motore. Lavoriamo quindi a stretto contatto con Honda e Aston Martin Red Bull Racing sui tempi per quanto riguarda l’introduzione di un nuovo carburante per la gara Esso Synergy.
 
 
Quante variazioni di carburante crei, in media, prima di raggiungerne una che sei felice di correre con la Formula 1?
 
In media, potremmo passare attraverso circa 20 nuove formulazioni di carburante prima di trovare un miglioramento prestazionale accettabile che introduciamo alla macchina per le corse. Una chiara dimostrazione del miglioramento delle prestazioni del banco di prova innesca l’aggiornamento del carburante per decidere se portarlo in pista per l’uso o meno. È uno sviluppo continuo che non si ferma e questo è il nostro impegno nel rendere l’Aston Martin Red Bull Racing-Honda ancora più veloce in pista.
 
 
Quanti aggiornamenti stai pianificando in questa stagione e quanto tempo inizi a prepararti per la prossima stagione?
 
In genere, miriamo a due o tre aggiornamenti del carburante per stagione. Abbiamo introdotto un nuovo carburante per la gara della Esso Esso prima dei test pre-stagionali ed è stato nella RB15 per la gara di apertura della stagione in Australia. Stiamo lavorando a nuove formulazioni con l’obiettivo di ulteriori introduzioni nel prossimo futuro. Il programma di test per la campagna 2020 inizia dopo la pausa estiva, verso la fine di agosto. Lavoreremo a stretto contatto con Honda e Aston Martin Red Bull Racing per lo sfidante del prossimo anno, quindi siamo preparati per la prossima stagione.
 
 
Quali sono le tue opinioni sul futuro dei carburanti in Formula 1 e sui carburanti a emissioni zero?
 
Sostengo pienamente l’accento posto sulla sostenibilità come obiettivo generale per qualsiasi impresa. Per il carburante di Formula 1, possiamo chiaramente provare ad aumentare l’uso di bio-componenti per promuovere la sostenibilità. Ma al fine di sviluppare il carburante giusto per sbloccare la potenza e l’efficienza della tecnologia dei motori di Formula 1 di oggi, i tempi del cambiamento devono essere gestiti con molta attenzione. Il carburante e il motore sono collegati più intimamente che mai. Ciò significa che qualsiasi modifica su un lato avrà un impatto significativo sull’altro lato. Se gestita correttamente, credo che possiamo promuovere sia la sostenibilità del carburante che la maggiore potenza e l’efficienza del carburante del motore.
 
 
Da quanto tempo hai lavorato nel tuo ruolo e qual è la cosa migliore del tuo lavoro e perché?
 
Ho formulato i carburanti di Formula 1 per circa sei anni e sono molto fortunato a poter dire che amo il mio lavoro. La cosa migliore di questo ruolo è la sfida di lavorare su un problema tecnico complesso e poi vedere il risultato dei tuoi sforzi per trovare una soluzione quasi immediatamente in pista. Non c’è niente del tutto simile.
 
 
Che cosa hai fatto del mondo della Formula Uno quando sei stato nel paddock?
 
Ho partecipato a diverse gare, principalmente dal lato paddock. Ho scoperto che ogni gara ha la sua atmosfera unica e sono sempre impressionato dalla combinazione di tecnologia, lavoro di squadra e abilità di guida che sono in mostra. Le attività nel garage Aston Martin Red Bull Racing e nell’ExxonMobil Trackside Lab rafforzano davvero il livello di professionalità e tecnologia coinvolto nelle corse che la maggior parte delle persone non sperimenta. Quando imparo una gara, imparo sempre qualcosa di nuovo e non vedo l’ora che arrivi la mia prossima apparizione.

Comments

comments

Articoli simili

SABATO 26 SETTEMBRE PRENDE IL VIA IL CAMPIONATO EUROPEO U20 MASCHILE

Redazione

Campionato Italiano Beach Volley: Ecco i primi semifinalisti della Coppa Italia

Redazione

PK CARSPORT SPAZZA QUALIFICHE A BRANDS HATCH Brands Hatch

Redazione
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it