EVENTI

MEMORIE INDELEBILI: ARTE E PAROLE IN MOVIMENTO

Inserito quale progetto speciale della Cinquantottesima edizione del Premio Internazionale Bice Bugatti – Giovanni Segantini, che proprio al Libro d’Artista ha dedicato un’intera sezione, Memorie indelebili: Arte e Parole in movimento, vuole raccogliere le tracce di cinque poesie e cinque gesti artistici senza badare a confini.

Memorie indelebili: Arte e Parole in movimento si pone come uno strumento efficace per favorire lo sviluppo, attraverso le espressioni artistiche, di scambi, relazioni e dialoghi attivi tra le diverse comunità internazionali presenti in Italia.

L’obiettivo è di creare valore, approfondire conoscenze, fare circolare idee, supportare azioni che sviluppino la tematica dell’interculturalità, dando visibilità a quanto in questa direzione, possono fare le diverse comunità locali.

Cosa succede quando un poeta e un artista di diversa provenienza, sono posti fianco a fianco, costretti in uno scambio di pensieri che dall’intimità del proprio io deve aprirsi verso l’altro?

Memorie indelebili: Arte e Parole in movimento, raccoglie riflessioni che si traduco in parole, azioni, colori e linee che per quanto possano e debbano apparire diverse, nascono dalla stessa insaziabile necessità d’espressione. Due entità in egual modo condannate e ossessionate, sin dalla nascita, a togliere un velo opaco dal mondo.

L’uno incanta attraverso lettere che, trasportate su carta, appaiono come note musicali, l’altro da forma a echi di ricordi lontani.

Due canta storie che abitano il mondo ma in una zona di mezzo, e proprio per questo riescono a raccontarne una parte ai più impenetrabile. Insieme alla poetessa Ana Maria Pedroso Guerrero – che proprio sull’incontro e lo scambio ha incentrato il suo lavoro come Direttrice dell’Associazione Culturale Cubeart e come co-fondatrice di M-WAM (Milano World Arts Map) – si è cercato semplicemente di creare le premesse per dei momenti di intenso dialogo, offerti allo sguardo del pubblico tramite un libro che abbandona il suo formato più tradizionale, per aprirsi e svelare ciò che spesso rimane nascosto fra le sue pagine.

Uno degli obiettivi fondamentali del progetto è quello di assegnare un nuovo ruolo alle Istituzioni culturali che, contribuendo alla sua diffusione, promuovono una nuova visione dell’Italia: non solo quale luogo di produzione ed esposizione delle arti, ma anche di interconnessione multiculturale che valorizzi le energie e le competenze degli artisti con un portato culturale diverso, favorendo dialogo, interazione e contaminazione.

Vi aspettiamo questo venerdì in Villa Brivio Crosti Colombo alle ore 18:00 per il 3°Cap; nella cornice data dal Premio Bice Bugatti – Giovanni Segantini.

Elisabetta Rastelli Ana

Ana Maria Pedroso Guerrero

Comments

comments

Articoli simili

Milano si accende per le festività, 35 km e 180 vie di luci e colori

Redazione

LA MAGLIA ROSA YATES HA VINTO LA TAPPA 15 DEL GIRO D’ITALIA

Massimo Dal Seno

ALLARME ANCHE DAL MINISTERO SERVIZI ATTIVI SABATO E DOMENICA

Redazione
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it