EVENTI SPORT

Il Team Bentley M-Sport vince la prima vittoria di resistenza dal 2014

Il Circuito Paul Ricard 1000 km è stato vinto da Vincent Abril, Andy Soucek e Maxime Soulet nel # 8 Bentley Team M-Sport Continental, la prima vittoria di resistenza per il produttore britannico da tre anni. Alla fine della gara di sei ore, i Bentley Boys avevano 29 secondi di vantaggio sul # 72 SMP Racing Ferrari di Shaytar, Rigon e Molina, con un superbo finale che ha dato terzi al # 1 Audi Sport Team WRT R8 di Rast, Garcia e Müller. Proprio come a Silverstone, la vittoria di Pro-Am Cup è andata al # 77 Barwell Motorsport Lamborghini di Kujala, Amstutz e Kodric, con il # 36 Walkenhorst Motorsport BMW di Walkenhorst, Schiwietz e Vancampenhoudt che hanno preso la loro prima vittoria in Am Cup.

Due interventi di auto di sicurezza nell’ora di apertura del Circuito Paul Ricard a 1000 km hanno dato alle squadre l’opportunità di provare una strategia alternativa, scegliendo di prendere un primo stadio. Ciò ha reso la corsa non solo difficile da leggere, ma ha portato anche a cinque diversi produttori (Mercedes-AMG, Jaguar, Ferrari, BMW e Bentley) che hanno preso il comando a un certo punto durante la gara.

A metà strada la gara di sei ore è stato in testa il # 99 ROWE Racing BMW di Sims, Martin e Eng – vincitori dell’anno scorso di Total 24 Hours Spa, con una buona probabilità di finire sul podio. Tuttavia la loro gioia è stata breve, tuttavia, come un problema tecnico ha significato che l’auto ha abbassato l’ordine.

Ciò ha ridotto la battaglia per il vantaggio di una lotta a quattro vie, tra il # 8 Bentley Team M-Sport Continental, la # 72 SMP Racing Ferrari, il Mercedes-AMG Team Black Falcon e il # 50 Spirit of Race Ferrari. Quest’ultimo è sceso a metà strada con meno di un’ora da percorrere, e con soli 30 minuti per andare lo stesso crudele destino è arrivato alla macchina # 4 Black Falcon, togliendo quello che sarebbe stato un meritato podio.

Dopo l’ultima tappa, il leader Bentley ha avuto un vantaggio di 32 secondi rispetto al # 72 SMP Racing Ferrari e Maxime Soulet è rimasto perfetto come i co-piloti Andy Soucek e Vincent Abril erano stati, conferendo Bentley Team M-Sport la sua prima vittoria di resistenza da quando Vittoria al Round Circuit Paul Ricard.

Nella # 72 SMP Racing Ferrari Davide Rigon, Miguel Molina e Victor Shaytar hanno chiuso le migliori prestazioni della stagione con un secondo posto meritato. Esso li porta anche davanti alla classifica del pilota di resistenza.

Terzo è andato al # 1 Audi Sport Team WRT R8 di Antonio Garcia, Nico Müller e René Rast. Il pilota tedesco ha prodotto un ottimo livello finale, ottenendo diverse posizioni nel processo e dando alla squadra belga una spinta di fiducia alla vigilia del loro evento di casa, il Total 24 Hours of Spa.

Per i leader della classifica dei piloti della serie GT Blancpain, il # 63 Grasser Racing Team Lamborghini di Bortolotti, Engelhart e Caldarelli e il team Mercedes-AMG HTP Motorsport 84 di Buhk, Perera e Eriksson, il Circuito Paul Ricard 1000 km si è dimostrato un incubo. Quest’ultimo si è ritirato con due ore per andare, a causa di un sospetto problema del motore. Il Lamborghini ha finito fuori dai punti dopo che ha dovuto servire un stop di stop di un minuto per causare una collisione. Questo porta a Vincent Abril a salire in classifica: nella classifica generale del pilota il giovane Bentley è ora solo quattro punti dietro i leader Bortolotti-Engelhart.

Nella Coppa Pro-Am è stato subito chiaro che i piloti del # 97 Oman Racing Team con TF Sport Aston Martin e il # 77 Barwell Motorsport Lamborghini avrebbero deciso l’esito di questa gara di sei ore. I vincitori Pro-Am dei tornei Monza e Silverstone erano rispettivamente martello e pinze, ma alla fine Barwell Motorsport-trio Adrian Amstutz, Martin Kodric e Patrick Kujala hanno preso la loro seconda vittoria consecutiva di classe di resistenza, attraversando la linea con 25 secondi in mano L’Aston Martin.

In Am Cup la vittoria è andata alla # 888 Kessel Racing Ferrari, anche se il # 36 Walkenhorst Motorsport BMW ha attraversato la linea in prima posizione. E ‘stata consegnata una penalità di stop per 30 secondi convertita in una penalità di tempo dopo il traguardo, a causa di una violazione dello stint. Jacques Duyver, David Perel e Marco Zanuttini hanno ereditato la vittoria, rafforzando il vantaggio di Perel nella classifica generale del pilota Am Cup.

Maxime Soulet (# 8 Bentley Team M-Sport Continental, 1 °): “La squadra non mi ha detto di smettere di spingere, sono solo cinque giri dalla fine che mi hanno detto che avevo un vantaggio di 34 secondi. Quello è quando sono tornato un po ‘, ma poi ho cominciato a sentire quegli strani rumori in macchina. Quegli ultimi cinque giri sembravano durare così a lungo, ma la finale è stata davvero buona “.

Viktor Shaytar (# 72 SMP Racing Ferrari, 2 °): “Sono stato un po ‘preoccupato quando gli altri mi hanno fatto iniziare, ma potrei attaccarmi al secondo posto. Dopo che Miguel e Davide hanno fatto un ottimo lavoro. Questo è il mio primo podio generale e sono molto felice di questo “.

René Rast (# 1 Audi Sport Team WRT, terzo): “È sempre bello prendere le macchine davanti. Quando ho sentito sulla radio che c’era ancora la possibilità di finire sul podio, ho dato tutto quello che ho. Era difficile superare .

Comments

comments

Articoli simili

Serie A2 Femminile: Il Club Italia CRAI strappa un punto sul campo di Ravenna

Redazione

Racing-Total presenta una lineup internazionale

Massimo Dal Seno

Hezemans vince una spettacolare Semi Finale a Hockenheim

Redazione
error: Contenuto protetto da copyright. Vietata la copia. Per informazioni scrivere a redazione@milanoetnotv.it