Skip to Content

Il Sindaco Sala e l’assessora Tajani premiano le 60 nuove botteghe storiche di Milano

Il Sindaco Sala e l’assessora Tajani premiano le 60 nuove botteghe storiche di Milano

Closed
by Novembre 11, 2019 Senza categoria

Le botteghe hanno ricevuto il riconoscimento costituito da un targa in ottone disegnata da Bob Noorda e una pergamena

Milano sempre più ponte tra tradizione e innovazione anche nel commercio. Si amplia il numero delle attività inserite nell’albo delle “Botteghe Storiche” cittadine, giunte oggi a 549. A conferire i 60 nuovi prestigiosi riconoscimenti il Sindaco Giuseppe Sala con l’assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani e i rappresentanti delle Associazioni di categoria, nel corso della cerimonia ufficiale che si è svolta, questa mattina, nella suggestiva Sala Alessi di Palazzo Marino. La cerimonia ha visto la partecipazione di Alfredo Zini, Presidente Club Imprese Storiche di Confcommercio e Marco Accornero, Segretario Genarale dell’Unione Artigiani della Provincia di Milano. 

“Premiare le nostre botteghe storiche – ha detto il Sindaco di Milano Giuseppe Sala – significa innanzitutto dare un riconoscimento alla piccola imprenditorialità milanese, nata talvolta in tempi difficili, durante la guerra e appena dopo, ma che ha contribuito a rendere questa città, in ogni momento, viva e cordiale e fornita di ogni bene merceologico. A Milano si è sempre trovato di tutto e il merito è di questi negozianti che hanno resistito con il loro carico di storia, di affidabilità e prossimità per cinquanta e più anni. A loro il nostro grazie più sincero”.

“Le Botteghe Storiche – spiega l’assessora Tajani – sono il simbolo della vivacità commerciale milanese capace di coniugare tradizione e innovazione. Realtà in grado di porsi sempre in sintonia con le nuove esigenze dei cittadini e con le tendenze del mercato senza rinunciare al proprio patrimonio di tradizione e competenza. Attività nate oltre 50 anni fa dall’intuizione di un singolo o da una lunga tradizione familiare che nel corso del tempo sono diventate parte integrante della storia e della vita del quartiere, della città e di ognuno di noi. In questi anni abbiamo posto tra gli obiettivi della nostra azione amministrativa la valorizzazione di queste realtà supportando e promuovendo tante azioni, dalle mostre agli itinerari turistici passando per moderne App utili a far conoscere e apprezzare ai numerosi turisti e ai milanesi, questo nostro grande patrimonio di cultura, conoscenza e sapienza artigiana”. 

Tra le sessanta attività che entrano a far parte dell’albo delle “Botteghe Storiche” la più antica è l’”Ottica Quercetti” la cui apertura risale al 1841 seguita da un nome diventato un’icona per gli amanti della pipa in tutto il mondo, “Savinelli 1876”. Diventano botteghe storiche due templi del gusto e dell’arte dolciaria la “Pasticceria Sant’Ambroeus” che ha incominciato a deliziare i palati dei milanesi nel 1936 e la “Pasticceria Martesana” inaugurata nel 1967. Premiati anche il “Bar Quadronno”, dal 1964 riconosciuto da tutti come la prima paninoteca aperta fino a tarda ora in città e il mitico chiosco “Giannasi” di Porta Romana, che dal 1967 vende il pollo allo spiedo più famoso di Milano e i ristoranti “Bice” inaugurato nel 1938 e “da Giacomo” nato nel 1958, oltre a numerosi negozi di vicinato (7 panetterie, 5 barbieri, 3 negozi di calzature, 2 macellerie, 2 negozi di giocattoli etc.) che quotidianamente contribuiscono ad animare la vita commerciale del capoluogo lombardo in un costante equilibrio tra tradizione e innovazione per rispondere al meglio al mutare delle esigenze dei cittadini. 

Per essere riconosciuta “Bottega Storica” sono due i criteri fondamentali richiesti: che l’esercizio sia attivo da almeno 50 anni nel medesimo comparto merceologico, a prescindere da eventuali cambi di titolarità, e che conservi totalmente o in parte i caratteri costruttivi, decorativi e di interesse storico o architettonico.

Elenco 60 Botteghe Storiche 2019

Galleria fotografica

Comments

comments

Previous
Next
Translate »