Skip to Content

Campagna di raccolta fondi e sensibilizzazione “GAME OVER” stop al fenomeno delle spose bambine in Bangladesh

Campagna di raccolta fondi e sensibilizzazione “GAME OVER” stop al fenomeno delle spose bambine in Bangladesh

Closed
by Ottobre 14, 2019 EVENTI
Talk / Mostra / Aperitivo
Mercoledì 23 ottobre 2019 ore 18.30
Unione Femminile Nazionale – Milano


Associazione COE con il sostegno di Fondazione Mediolanum Onlus e la collaborazione di Unione Femminile Nazionale lancia la campagna “GAME OVER” stop al fenomeno delle spose bambine in Bangladesh.
 
Il Bangladesh è ancora oggi il paese con la più alta percentuale di spose bambine di tutta l’Asia. Qui 1 ragazza su 2 è costretta a sposarsi prima dei 18 anni e non esiste una legge che possa impedirlo.
L’Associazione COE promuove la campagna di raccolta fondi e sensibilizzazione per migliorare le condizioni educative e sociali delle ragazze adolescenti nei distretti di Khulna e Jessore in Bangladesh in stretta collaborazione con Dalit, l’Ong fondata oltre vent’anni fa dal socio COE Lino – Swapon Kumar Das.
Con le donazioni che verranno raccolte l’Associazione COE intende ridurre la percentuale di matrimoni precoci tra le ragazze fuori casta, sostenendo la formazione superiore di 250 ragazze e sensibilizzando le ragazze e i ragazzi e i loro genitori sui diritti delle donne e le conoscenze di base sulla salute e l’igiene.
 
Fino al 15 novembre 2019 sarà possibile effettuare una donazione libera a favore del progetto “GAME OVER” tramite bonifico bancario sul conto corrente di Fondazione Mediolanum IBAN IT68C0306234210000000417750 con la causale: Game Over.  
Fondazione Mediolanum Onlus raddoppierà i primi 25.000 euro raccolti per continuare a sostenere il progetto “GAME OVER”.
 
Inoltre è possibile sostenere:
 
Con una donazione a partire da 100 € per una fotografia, numerata ed autografata, di Sara Munari dal progetto JOL. Limpido fotoreportage sull’acqua in Bangladesh.
Disponibilità limitata.
Informazioni: Prashanth Cattaneo – 02 6696258 – p.cattaneo@coeweb.org
 
Con una donazione a partire da 25 € per una coppia degli autentici braccialetti di conchiglia che le spose bambine indossano per sigillare le tragiche nozze. Indossali tu per non farli indossare a loro.Disponibilità limitata.
Informazioni: Prashanth Cattaneo – 02 6696258 – p.cattaneo@coeweb.org
 
L’evento principale della campagna “GAME OVER” stop al fenomeno delle spose bambine in Bangladesh si terrà Mercoledì 23 Ottobre 2019 alle ore 18.30 presso l’Unione Femminile Nazionale di Corso di Porta Nuova, 32 a Milano che ospiterà il talk al quale interverranno: Concetta Brigadeci, Presidente Unione Femminile Nazionale; Virginio Stragliotto, Segretario Generale Fondazione Mediolanum Onlus; Pia Locatelli, già Parlamentare Italiana ed Europea, Presidente Onoraria Internazionale Socialista Donne, Vice Presidente Internazionale Socialista che ha seguito lo sviluppo della normativa del Bangladesh; Lino – Swapon Kumar Das, Fondatore e Direttore Dalit. Modera Anna Pozzi, Giornalista esperta di tematiche di genere.
I partecipanti potranno anche visitare GAME OVER. Le spose bambine del Bangladesh, la mostra con le fotografie di Sara Munari allestita presso gli spazi dell’Unione Femminile Nazionale dal 21 al 26 Ottobre.
La serata si concluderà con un aperitivo.
 L’Associazione COE opera in Bangladesh da oltre vent’anni grazie a due soci, tra cui Lino – Swapon Kumar Das, che hanno studiato in Italia vivendo nella nostra sede di Barzio, e poi sono ritornati nel proprio Paese impegnandosi in progetti di cooperazione e sviluppo per migliorare le condizioni di vita dei fuori casta e che successivamente hanno fondato Dalit, una Ong molto attiva che conta oltre 100 collaboratori. L’Associazione COE è da sempre partner di Dalit e dei suoi progetti per sconfiggere il problema dei matrimoni precoci. Attraverso questa campagna vogliamo far conoscere questo dramma e raccogliere fondi per il progetto “GAME OVER” stop al fenomeno delle spose bambine in Bangladesh. Ringrazio la Fondazione Mediolanum Onlus per il sostengono e l’Unione Femminile Nazionale per la collaborazione.
Confidiamo nella generosità di tutti e invitiamo a visitare la mostra GAME OVER. Le spose bambine del Bangladesh e partecipare agli eventi in programma.

 
André Siani, Presidente Associazione COE
 
 
MOSTRA
 
Da Lunedì 21 a Sabato 26 Ottobre 2019
GAME OVER. Le spose bambine del Bangladesh. Fotografie di Sara Munari
10 fotografie prodotte nel 2014 visitando 11 villaggi nei distretti di Khulna, Jessore e Satkhira
Ingresso libero, tutti i giorni, ore 9.00 – 18.00
 
In Bangladesh, come in altre parti del mondo, molte bambine Dalit (fuori casta/intoccabili) si sposano in età compresa tra gli 8 e i 13 anni. Le conseguenze sono negative sia per la salute che lo sviluppo. La precocità del matrimonio causa immancabilmente l’abbandono scolastico e gravidanze premature, che provocano spesso la morte della mamma o del bambino.
Le bambine e ragazze che Sara Munari ha intervistato e fotografato, parlano poco e hanno dai 9 hai 20 anni. Molte di loro hanno dai due ai 5 figli.
Questi ritratti riguardano la loro adolescenza. Molte di loro sono vedove o ripudiate. “Ho chiesto loro l’età, la data di matrimonio ed il numero di figli” scrive nella presentazione Sara Munari “Non mi soffermerò a parlare di quanto questo mi abbia toccato, ma per la prima volta desidero far vedere bene negli occhi i soggetti delle mie foto”.
 
Sara Munari nasce a Milano nel 72. Vive e lavora a Lecco. Studia fotografia all’Isfav di Padova dove si diploma come fotografa professionista. Apre, nel 2001, La Stazione Fotografica, Studio e galleria per esposizioni fotografiche e corsi, nel quale svolge la sua attività di fotografa. Docente di Storia della fotografia e di Comunicazione Visiva presso Istituto Italiano di Fotografia di Milano. Dal 2005 al 2008 è direttore artistico di LECCOIMMAGIFESTIVAL per il quale organizza mostre di grandi autori della fotografia Italiana e giovani autori di tutta Europa. Organizza workshop con autori di rilievo nel panorama nazionale. Espone in Italia ed Europa presso gallerie, Festival e musei d’arte contemporanea. Fa da giurata e lettrice portfolio in Premi e Festival Nazionali. Gira l’Italia per tenere conferenze, corsi e letture portfolio. Scrive tre libri di teoria sulla fotografia e ne pubblica di 4 di sue fotografie. Apre il blog Musa nel 2015, che ottiene molto successo. Apre nel 2019 Musa Fotografia, centro per corsi, mostre, presentazioni e tutto ciò che riguarda la fotografia, a Monza. Ottiene premi e riconoscimenti a livello internazionale.
Si diverte con la fotografia, la ama e la rispetta.
www.saramunari.it
SOSTIENICI E DONA ORA

Comments

comments

Previous
Next
Translate »