Skip to Content

THE LAST BODIES: DEBUTTA A MILANO IL PROGETTO DI ARTE E MODA  DI #HUBWAX

THE LAST BODIES: DEBUTTA A MILANO IL PROGETTO DI ARTE E MODA DI #HUBWAX

Closed
by Settembre 13, 2019 Senza categoria

Brigitte, Nunzia, Emanuela Fanny , Ya Deguene , Fanta , Fiammetta, Carlotta Valentina,  Francesca, Silvana, Zelie: sono state loro a sfilare domenica 8 settembre  al CIQ di via Fabio Massimo 19 a Milano per The Last bodies, performance  tra arte e moda ideata dall’artista  Antonella Rizzo di  #HubWax. A vedere la loro prima assoluta sono arrivate oltre 80 persone, incuriosite dalle immagini dei loro abiti iperbolici firmate da Giorgio Taddia Photograpy, anticipate con sapiente parsimonia dalla campagna di lancio dell’evento. Tra le “super model per una sera”  c’erano una stilista, una famosa cantante jazz, un architetto, un ingegnere, una ballerina, persino una studentessa diciassettenne, incontrata per caso dalla tenacissima  Antonella pochi giorni prima della sfilata e, come le altre, innamoratasi a prima vista di questo progetto che fonde moda,  ecologia e empowerment femminile, estremamente  moderno nella sua forma attuale ma le cui radici si estendono da ormai vent’anni  nel ribollente tessuto sociale della Dakar più creativa e capace di bellezza. E’ da vent’anni infatti che l’Ecole de Couture AEFIJ di Guediawaye-Dakar di cui Antonella Rizzo  è rappresentante in Europa, grazie alla visione generosa e profetica dei  direttori dell’Ecole,  Mbaye Diouf e Boubacar Diédhiou per la prima volta in Italia per prendere parte alla sfilata,  investe energie e lavoro per dare formazione e integrazione  alle giovani donne senegalesi nell’ambito della moda e della sartoria, professioni principalmente riservate al mondo maschile. Ed è da due anni che Antonella, dopo una collaborazione per un defilé, ha deciso di essere il ponte per dare alle allieve della scuola l’onore di un palcoscenico europeo. “Il mio desiderio in questi due anni – rivela Antonella Rizzo  che ha conosciuto l’Ecole grazie ad per un progetto di turismo responsabile organizzato dall’associazione Sunugal, partner di Aefij dal 2006 -era di aprire la porta d’Europa all’Ecole, di portare quei talenti, quella creatività incontaminata a Milano. Così è stato. L’Ecole Aefij mi ha onorata del mandato di rappresentanza per l’Europa, ho creato Hub Wax, un progetto, un luogo di generazione e di incontro di buone pratiche che, attraverso il “fare” nobile degli artigiani e degli artisti, crea e ripensa il presente. In due anni con Boubacar e Mbaye abbiamo pensato, sperato e immaginato un nuovo progetto dell’Ecole per rendere più forte il dialogo tra Italia e Senegal attraverso l’artigianato e l’arte”.  Così è nata The last bodies, ispirata al dipinto leonardiano dell’Ultima Cena, che le 13 modelle ( adesso si capisce il perché di questo numero) hanno messo in scena al termine della sfilata.  Per il debutto si è scelto un tema ecologico “at large”, basato sul concept del riciclo di materiali di scarto che accomunano la periferia di  Milano a quella di Dakar ma anche  tutte le periferie urbane del mondo, rottami post industriali assunti agli onori di reperti artistici grazie alle epopee distopiche , da Blade Runner in poi. Dal turbante di bottiglie di plastica, all’abito sirena costellato di fondi di lattine, dalla gonna di vere piume alla cintura di piccole zucche portafortuna, addosso alle modelle condotte dalla voce e dalla ipnotica gestualità di Zelie Adjo, i rottami e i frutti della natura si animano per diventare vestiti magici come succede nella fiaba di Cenerentola e dare vita ad un spettacolo che si spera possa durare ben oltre  la mezzanotte ed essere ripetuto su innumerevoli passerelle, ponti della bellezza tra Milano e Dakar.

Hub Wax è un progetto culturale e di ricerca di Antonella Rizzo

antonellarizzo.edu@gmail.com

3475263077

Comments

comments

Previous
Next
Translate »