Skip to Content

IL SOGNO DI ANDARE IN UNIVERSITA’ IN ITALIA CON FE Y ALEGRIA MILANO DIVENTA POSSIBILE!

IL SOGNO DI ANDARE IN UNIVERSITA’ IN ITALIA CON FE Y ALEGRIA MILANO DIVENTA POSSIBILE!

Closed
by Settembre 8, 2019 EVENTI

Lo scorso 27 luglio presso l’Istituto Leone XIII si ‘e tenuto l’Atto di Consegna dei Diplomi di Secondaria agli studenti di Fe y Alegria Milano. 28 latinoamericani, tra cui Ecuadoriani, Peruviani e Boliviani, hanno ricevuto il titolo accompagnati dalle loro famiglie e amici, p.Florin Silaghi sj, Rappresentante Comune di Fe y Alegria Italia da settembre 2019, il Console Generale dell’Ecuador a Milano, l’avv.Lorena Tapia, il Console Generale del Peru a Milano, il dott.Augusto Salamanca, il dott.Vidal Silva, rapppresentante del municipio 4 di Milano, la direttrice di Fe y Alegria Milano, la dott.ssa Kessia Chamba, il coordinatore accademico di Fe y Alegria Milano, il dott.Nestor Carranza, la responsabile di Comunicazione di Fe y Alegria Italia, la dott.ssa Olga Perez Sastre, i professori e i diversi mezzi di comunicazione (Voce’s, MilanoSud, Comunicar con todos los acentos).

“L’ottenimento del Diploma di Secondaria ‘e un gran passo per il raggiungimento di obiettivi maggiori, per realizzarsi personal e professionalmente e diventare un professionale al servizio degli altri.” Olga Perez Sastre, responsabile Comunicazione Fe y Alegria Italia.

Lorena Tapia Nuñez, Console Generale dell’Ecuador a Milano nel suo discorso durante l’evento ha detto di Fe y Alegria Milano di essere “un’istituzione stupenda che permettere realizzare i propri sogni, che ‘e vicino agli studenti, gli accompagna, che ‘e la sua amica. Sono molto orgogliosa di poter diffondere questa opera perché più uomini e donne si aggiungano al raggiungimento dei loro sogni””

Fe y Alegria, Movimento Globale di Educazione Popolare e Promozione Sociale della Compagnia di Gesu’   ’e presente in 22 paesi tra cui l’Italia. Papa Francesco durante l’ultimo incontro con la Federazione Internazionale Fe y Alegria  l’ha definito di controtendenza per la sua “Mistica d’inclusione” in una società dove tutto esclude (link news Avvenire). Fe y Alegria ha come mission lavorare perché ci sia un’educazione inclusiva, equa e di qualità che trasformi la persona e la società. Fe y Alegria Italia fa parte di Gesuiti Educazione, fondazione delle scuole della Compagnia di Gesù che coordina l’attività delle scuole di Italia, Malta e Albania.

Oltre 20 anni fa i padri gesuiti Valentín Menéndez e Gerardo Arango insieme alle sorelle Pilar e Narcisa Soria incontrarono a Roma un gruppo di giovani e adulti latinoamericani, pieni di voglia di imparare e cui mancavano pochi anni per raggiungere il titolo di scuola superiore. La proposta della scuola serale per adulti non era compatibile con gli impegni di lavoro e famigliari, e i giovani, inseriti nella scuola pubblica ed anche con ottimi voti una volta arrivati al Liceo abbandonavano in tanti per bullying. Si creò un gruppo che si dava appuntamento nei bar. I professori erano anche loro migranti latinoamericani che aiutavano nel proprio tempo libero i connazionali a studiare, senza però che questi potessero accedere agli esami per ottenere un titoli. Negli anni il gruppo è diventato un progetto strutturato, Fe y Alegria Italia, formato da tre cooperative sociali Fe y Alegria Genova, Fe y Alegria Milano e Fe y Alegria Roma. Tra i diversi progetti di educazione, ha la scuola per giovani ed adulti IRFEYAL(Fondazione Istituto Radiofonico Fe y Alegria) che lavora da più di 20 anni contro alla dispersione scolastica.

Nella sola sede di Fe y Alegria Milano, dal 2001 oltre 400 giovani e adulti migranti, procedenti di dodici nazionalità diverse, sono riusciti a finire la scuola con un titolo superiore che ha permesso loro di accedere a corsi universitari italiani e stranieri.

In Fe y Alegria si affiancano la formazione accademica a quella umana, i giovani e adulti vengono accompagnati nel processo d’integrazione nelle realtà d’accoglienza e di valorizzazione delle proprie identità. Spesso hanno dietro un difficile bagaglio di vissuto, ma l’obiettivo è sempre quello di aiutare ciascuno a perseguire il proprio sogno mettendo la propria professione al servizio degli altri. Le storie degli studenti sono diverse e ricche di soddisfazioni: Ismael ha creato la sua agenzia viaggi per il Sud America e da lavoro a sei persone tra cui due italiani; Melizza studia per diventare avvocato per “aiutare meglio gli altri perché non soffrano ingiustizie come lei ha sofferto”; Marco, neo imprenditore, ha creato un’azienda di e-commerce di prodotti sviluppati da comunità svantaggiate. Altri sono infermieri, informatici, intermediatori culturali, tutti consapevoli del proprio sforzo e grati di aver trovato qualcuno che abbia creduto in loro. 

Marco , ex alunno dice:“ Fe y Alegria ha capito chi ero, che potevo fare di più e dare di più e mi ha spinto a dare sempre il meglio di me”.

Con i diversi progetti di educazione che coinvolgono non solo gli studenti ma anche le famiglie, la Provincia Euromediterranea della Compagnia di Gesú, la Fondazione Gesuiti Educazione, l’Istituto Leone XIII, la Federación Internacional Fe y Alegria, i Consolati (in speciale il Consolato Generale dell’Ecuador a Milano), Informatici senza frontiere, volontari e tutori, Fe y Alegria Milano ‘e divenuta nel tempo un importante punto di riferimento per la comunità migrante latinoamericana in Italia e un attore nel recupero dei migranti giovani ed adulti.

Di: Olga Pérez Sastre.

Comments

comments

Previous
Next
Translate »