Skip to Content

Campionato Europeo 2019: l’Italia batte 3-0 la Slovacchia, nei quarti c’è la Russia

Campionato Europeo 2019: l’Italia batte 3-0 la Slovacchia, nei quarti c’è la Russia

Closed
by Settembre 1, 2019 Senza categoria

Bratislava. Negli ottavi di finale del Campionato Europeo 2019 le azzurre di Davide Mazzanti hanno superato 3-0 (25-20, 25-23, 25-20) la Slovacchia, qualificandosi per i quarti.            
Nella prossima sfida, in programma a mercoledì 4 settembre a Lodz (orario da stabilire), le vice campionesse mondiali si troveranno di fronte la Russia, oggi vincitrice sul Belgio 3-1 (25-22, 25-15, 21-25, 25-22).    
All’Ondrej Nepela Arena di Bratislava per Chirichella e compagne non è stata una passeggiata, la Slovacchia infatti soprattutto nei due set iniziali ha dato filo da torcere alle azzurre. Nel primo parziale l’allungo tricolore è stato firmato da Sorokaite, mentre nel secondo, dopo un lungo confronto, sono stati decisivi due aces consecutivi di Paola Egonu. La terza frazione ha visto le ragazze di Mazzanti portarsi avanti sin dall’inizio e poi, nonostante qualche errore di troppo, difendere il vantaggio sino alla fine.      
Domani mattina l’Italia lascerà Bratislava e farà ritorno a Lodz, dove mercoledì 4 settembre si disputeranno 2 quarti di finale, gli altri 2 sono in programma ad Ankara.      
Nel match di oggi la migliore marcatrice è stata Paola Egonu con 17 punti (4 aces), seguita da Indre Sorokaite (16 punti), preziosa anche a muro: 3 quelli vincenti. Nel complesso l’Italia ha dominato a muro (10 a 0), ma ha commesso molti errori in più rispetto alle padrone di casa (30 a 16). In battuta le azzurre hanno messo a segno 11 aces contro i 6 della Slovacchia.
Una nota positiva è stato l’esordio del torneo di Lucia Bosetti, mentre per la giovane Sarah Fahr si è trattata dell’ingresso in assoluto in un Campionato Europeo.          
CRONACA – L’Italia si è schierata in campo con Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Sorokaite e Sylla, centrali Chirichella e Folie, libero De Gennaro.       
Nel primo set la Slovacchia ha sfruttato bene la battuta, mettendo in difficoltà le azzurre per alcune azioni (8-10). L’Italia è cresciuta con il passare del gioco, ha toccato più palloni a muro ed è salita di livello in difesa (16-13). Una Sorokaite molto ispirata ha guidato le compagne sul (20-15) e il finale, esordio nel torneo di Lucia Bosetti, è stato tutto di marca azzurra (25-20).        
Nella seconda frazione le padrone di casa hanno tentato l’allungo e Mazzanti ha risposto inserendo Fahr per Folie (9-12). L’attacco tricolore ha faticato a ingranare e così la Slovacchia ne ha approfittato, mantenendosi a contatto (12-12). Le ragazze di Mazzanti hanno commesso molti errori, ma sono riuscite a non far scappare le avversarie (19-19). Il lungo botta e risposto è durato sino al (23-23), poi due aces consecutivi di Egonu hanno permesso all’Italia di chiudere (25-23).  
Diverso l’andamento della terza frazione, Sorokaite e compagne hanno preso con decisione il comando del gioco (9-6), aumentando progressivamente il proprio vantaggio. Nel finale le vice campionesse del mondo hanno commesso qualche errore, ma la Slovacchia non è più riuscita ad avvicinarsi e l’Italia ha conquistato i quarti (25-20), dove ad attenderla c’è la Russia.  
DAVIDE MAZZANTI: “Siamo felici di aver superato l’ottavo di finale, anche se non abbiamo espresso un gioco ai nostri livelli. Abbiamo fatto fatica a esprimere il nostro gioco, sia in cambio palla, sia in fase break. Ci sono stati molti errori e questo ci ha impedito di imporre il nostro ritmo, sicuramente c’era tensione e non siamo stati in grado di cambiare marcia. Il ritmo è stato troppo lento, anche con il passare dei set abbiamo limitato il numero di errori. La cosa positiva è che oggi ho visto più continuità in battuta, e in più ci sono state diverse variazioni. A partire dai quarti dobbiamo ritrovare il nostro gioco”. 
INDRE SOROKAITE: “Sono felice di aver conquistato la vittoria, giocare in un ambiente così non era facile, ma siamo riuscite a gestire la pressione. A volte sentiamo troppo la tensione, però in una manifestazione così importante è normale, andando avanti le responsabilità aumenteranno sempre di più.     
All’inizio abbiamo tentennato un po’ troppoperò poi abbiamo avuto la forza di chiudere 3-0 e non era così scontato. Stasera ci godiamo la vittoria e da domani penseremo alla Russia: un avversario duro e alto che non molla mai. Io sono contenta di incontrare un avversario forte come loro, per arrivare sino alla fine è normale che d’ora in poi si salga di livello. Ogni giorno dovremo metterci alla prova”.

Tabellino: SLOVACCHIA – ITALIA 0-3 (20-25, 23-25, 20-25)        

SLOVACCHIA: Radosova 9, Herelova 3, Palgutova 6, Kostelanska 19, Pencova, Kosekova; Spankova (L). Hroncekova 1, Kijakova 4, Szaboova. N.e: Hudecova, Oveckova, Fricova, Jancova (L). All. Fenoglio
ITALIA: Sorokaite 16, Folie 7, Egonu 17, Sylla 8, Chirichella 7, Malinov 1; De Gennaro (L). Bosetti 1, Fahr 2, Danesi. N.e: Orro, Parrocchiale, Enweonwu, Nwakalor. All. Mazzanti
Arbitri: Muha (Cro) e Halasz (Ung)

Spettatori: 6430. Durata set: 25’, 28’, 29’
Italia: 11 a, 9 bs, 10 m, 30 et.
Slovacchia: 6 a, 7 bs, 0 m, 16 et.

I RISULTATI E IL CALENDARIO DELL’EUROPEO 2019 

OTTAVI DI FINALE (1 settembre)

WEF 01 (Ankara) – Serbia-Romania 3-0 (25-20, 25-17, 25-23)

WEF 02 (Ankara) – Turchia-Croazia 

WEF 03 (Budapest) – Olanda-Grecia 3-0 (25-21, 25-23, 25-12)

WEF 04 (Budapest) – Azerbaijan-Bulgaria 0-3 (12-25, 16-25, 23-25)

WEF 05 (Bratislava) – Italia-Slovacchia 3-0 (25-20, 25-23, 25-20)  

WEF 08 (Bratislava) – Russia-Belgio 3-1 (25-22, 25-15, 21-25, 25-22)

WEF 06 (Lodz) – Polonia-Spagna 

WEF 07 (Lodz) – Germania-Slovenia 3-0 (25-21, 25-15, 25-20).

 QUARTI DI FINALE (4 settembre)

WQF 01 (Ankara) – Serbia – Bulgaria

WQF 02 (Ankara) – Vincitrice WEF 02 – Olanda

WQF 03 (Lodz) – ITALIA – Russia

WQF 04 (Lodz) – Vincitrice WEF 06 – Germania

 SEMIFINALI (7 settembre, Ankara)

Semifinale 1 – Vincitrice WQF 1 – Vincitrice WQF 3 

Semifinale 2 – Vincitrice WQF 2 – Vincitrice WQF 4

 FINALI (8 settembre, Ankara)

Finale 3°-4° posto

Finale 1°-2° posto

Comments

comments

Previous
Next
Translate »