Skip to Content

Serie A2 Credem Banca: il Club Italia cede al tie-break contro la Materdomini

Serie A2 Credem Banca: il Club Italia cede al tie-break contro la Materdomini

Closed
by novembre 5, 2018 SPORT

Nella quinta giornata della Serie A2 Credem Banca, il Club Italia si è dovuto arrendere al tie-break 2-3 (25-20, 23-25, 25-17, 21-25, 8-15) contro la Materdomini di Castellano Grotte.
Una sconfitta che lascia sicuramente un pizzico di amaro in bocca ai ragazzi del Club Italia, perché arrivata al termine di una gara comunque ben giocata dalla formazione di casa, che è stata in grado di portarsi due volte in vantaggio e di andare vicino alla vittoria arrivando a giocare punto a punto nel finale del quarto set. Nel tie-break, poi, complice anche l’iniezione di fiducia derivata dalla vittoria del parziale precedente, la Materdomini è riuscita a prevalere, portandosi a casa la vittoria grazie al definitivo (8-15).
Il calendario, adesso, prevede due trasferte consecutive, prima a Cuneo e poi Cisano Bergamasco, per poi tornare in casa il 24 novembre contro Cantù.
CRONACA – Per quanto riguarda la formazione iniziale, il coach Monica Cresta ha deciso di schierare il sestetto composto da Salsi in palleggio, Gamba opposto, Cianciotta e Mosca centrali, Recine e Dal Corso schiacciatori e Federici come libero.
In avvio di gara l’equilibrio ha retto solo fino alla metà del primo parziale, quando gli azzurrini sono saliti in cattedra rendendosi protagonisti di una serie positiva importante, nella quale si registra anche l’ace di capitan Salsi, che è valsa un +5 (17-12), permettendo al Club Italia di condurre avanti fino alla fine (25-20).
Tiratissimo il secondo set. Qui, i ragazzi di Monica Cresta erano riusciti a condurre, seppur mai con un vantaggio considerevole, fino al (21-19). Nel finale però è uscita la voglia della Materdomini di rimettere in piedi la gara, trovando prima il sorpasso e poi chiudendo avanti (23-25).
Nel terzo parziale, dopo un avvio incerto (3-6), Recine e compagni si sono presi letteralmente la scena, riuscendo ad essere superiori sia in battuta che a muro e portando il pallino del gioco sempre più dalla propria parte. Nel finale, dopo aver collezionato un +6 sul (21-15), gli azzurrini hanno chiuso il set in bellezza sul (25-17) dopo un ace di Kristian Gamba (8 pt nel set).
Nel quarto parziale, però, i ragazzi di Monica Cresta non sono riusciti a dare continuità al predominio messo in mostra nel set precedente. Pur riuscendo a correggere qualcosa in ricezione, infatti, non hanno trovato il modo di chiudere la partita e nel finale, dopo un lungo botta e risposta (16-16), è stata la Materdomini a chiudere il avanti (21-25), portando il match al tie-break.
Nel quinto set, complice anche l’iniezione di fiducia derivata dalla vittoria del parziale precedente, la Materdomini è riuscita a prevalere, portandosi a casa la vittoria grazie al definitivo (8-15).

MONICA CRESTA: “Sicuramente se mi avessero detto prima di giocarla che avremmo conquistato un punto sarei stata contenta, perché questa è una squadra attrezzata e con tutte le possibilità di fare bene e di arrivare nelle zone alte della classifica. Siamo riusciti a tenere il campo per un bel po’ e poi forse ci è mancato quel pizzico di esperienza in più. Sono contenta anche della prestazione di Dal Corso, che è riuscito a tenere il campo per almeno tre set e mezzo. Continuiamo a fare punti e questa è la cosa positiva, però a noi non piace fare conti ma dobbiamo cercare di crescere partita dopo partita, continuando a lavorare su questa strada.”

Tabellino: Club Italia Crai Roma – Materdominivolley.it Castellana Grotte 2-3 (25-20, 23-25, 25-17, 21-25, 8-15)

Club Italia Crai Roma: Salsi 4, Recine 17, Cianciotta 9, Gamba 26, Dal Corso 14, Mosca 8, Benedicenti (L), Federici (L), Zonta 1, Motzo 0. N.E. Magalini, Biasotto. All. Cresta.
Materdominivolley.it Castellana Grotte: Longo 1, Fiore 12, Gargiulo 11, Cazzaniga 24, Mazzon 6, Patriarca 14, Primavera 2, Battista (L), Di Carlo (L), Campana 0, Pilotto 0, Disabato 0. N.E. Floris. All. Castellano.
ARBITRI: Merli, Proietti.
Durata set: 25′, 29′, 26′, 28′, 15′; tot: 123′.

Serie A1 femminile: sconfitta 1-3 per il Club Italia Crai  

Nella seconda gara consecutiva al Palazzetto del Centro Federale Fipav Pavesi di Milano arriva la terza sconfitta stagionale per il Club Italia CRAI che cede 1-3 (16-25, 25-23, 18-25, 10-25) nella partita disputata oggi pomeriggio con la Banca Valsabbina Millenium Brescia. Il terzo turno della Samsung Volley Cup non sorride quindi alle azzurrine anche se non sono mancati momenti di bel gioco e buone indicazioni dal campo.
All’incontro di oggi era presente anche il Presidente della Federazione Italiana Pallavolo Pietro Bruno Cattaneo.
CRONACA – Per l’avvio della gara il tecnico Massimo Bellano sceglie di affidarsi al sestetto composto da Rachele Morello, Loveth Omoruyi, Sarah Fahr, Sylvia Nwakalor, Elena Pietrini, Marian Lubian e al libero Chiara De Bortoli.
La partita si avvia sul filo dell’equilibrio (4-4). Il primo tentativo di allungo di Brescia viene stoppato dal primo ace di giornata firmato da Elena Pietrini. Le Leonesse tentano un allungo portandosi sul +3 (7-10) ma è pronta la risposta di Lubian e compagne che impediscono alle avversarie di allontanarsi. Qualche errore di troppo delle azzurrine permette a Brescia di prendere in mano la situazione e di allungare fino al +7 (13-20). Il time out chiamato dal tecnico federale Massimo Bellano interrompe la serie positiva di Brescia ma la reazione delle padrone di casa è troppo timida. Con un buon gioco e sfruttando gli errori delle azzurrine le ospiti chiudono agilmente il primo set 16-25.
Il secondo set vede la pronta reazione delle padrone di casa che – dopo un avvio all’insegna dell’equilibrio (7-7) – sfruttano la scia positiva avviata da un bel muro, un ace di Morello e alcuni errori avversari e allungano fino al +6 (17-11). Un cambio operato da Brescia e un paio di errori al servizio del Club Italia rimettono in partita Brescia che si riavvicina fino al pareggio (20-20). Il time out chiamato da Massimo Bellano rimette ordine tra le fila del Club Italia che riesce a tenere in mano le redini del gioco fino a chiudere il secondo set a proprio vantaggio (25-23).
Il terzo set vede da subito un allungo della Millenium Brescia che con Miniuk, Nicolini e la complicità degli errori del Club Italia riesce a portarsi agevolmente sul 9-15. Un time out di Bellano permette alle azzurrine di migliorare l’efficacia nella manovra di gioco e di arginare l’avanzata delle ospiti. Le Leonesse costruiscono un gioco efficace e pian piano incamerano punti fino a al +7 (17-24) che con facilità diviene 18-25 di chiusura parziale.
Il quarto set è un lungo monologo di Brescia. Il Club Italia non sembra in grado di rientrare in partita e le avversarie possono comodamente prendere il largo (6-14) e condurre comodamente la partita fino al finale (10-25).

MASSIMO BELLANO: “Fino ad un certo punto siamo stati in partita e abbiamo giocato anche se ci sono state delle difficoltà soprattutto sui loro battitori in salto da fine secondo set abbiamo fatto troppa fatica però siamo stati in campo. Nell’ultimo set invece abbiamo fatto troppa confusione un po’ in tutto siamo stati pessimi. Così non va bene dobbiamo ragionare soprattutto sull’ultimo set perché comunque un livello minimo dobbiamo mantenerlo sempre e oggi non ci siamo riusciti. La nostra crescita passa purtroppo anche attraverso queste situazioni un po’ come è successo anche l’anno scorso per cui ora c’è da raccogliere le forze e poi da martedì ricominciare ad allenarci perché poi sono sicuro che n el giro di due o tre settimane il nostro livello di gioco sarà completamente diverso da quello che abbiamo fatto vedere questa sera. Pesano soprattutto gli errori che abbiamo fatto nella confusione perché alcuni errori sono un po’ fisiologici per arrivare dove vogliamo arrivare cioè ad essere una squadra sempre molto aggressiva sia in attacco che in battuta. Il problema è che c’è stata confusione su delle situazioni non convenzionali ma abbastanza semplici da gestire dove è mancata comunicazione. Sono quelle cose che lì che dobbiamo assolutamente togliere in fretta e nel primo set ci hanno penalizzato cinque pallonetti che sono caduti a terra senza nemmeno provare l’intervento. Sono queste cose qui da sistemare prima di tutto poi dopo un po’ alla volta qualche altro errore si toglierà col tempo, con l’allenamento e con le intese. Per noi l’obiettivo era cercare di progredire il più poss ibile giocando in questo momento e non avendo grandi possibilità di allenarci. Era la terza di un ciclo di partite in cui cercavamo di stabilizzare un po’ il discorso legato alla ricezione e al contrattacco e siamo andati in maniera inversamente proporzionale perché in ricezione abbiamo fatto bene due set e poi molto male gli ultimi due. In contrattacco invece siamo partiti male, perché abbiamo sprecato tutte le occasioni che ci sono capitate anche organizzandole male, poi invece siamo migliorati e siamo andati molto meglio nel terzo e nel quarto. Dobbiamo mettere insieme tutte le fasi del gioco”.

SYLVIA NWAKALOR: “Sicuramente dobbiamo migliorare in battuta, dobbiamo essere più continuative. Poi oggi non ha funzionato molto il muro e in ricezione abbiamo subito molto. C’è da lavorare però noi da martedì ricominciamo ad allenarci e piano piano i risultati si vedranno perché siamo una squadra molto determinata e sappiamo che questo Campionato è difficile. Vogliamo essere competitive”.

ENRICO MAZZOLA (Millenium Brescia): “Il secondo set è stato determinato dal loro servizio: hanno fatto una serie molto lunga e molto buona di un servizio di alto livello che avrebbe messo in difficolta chiunque. Una volta risolta questa situazione ci siamo organizzati anche in ricezione e la cosa nei set successivi è andata meglio. La mia preoccupazione è che adesso, come era accaduto in alcune amichevoli di precampionato, la squadra non si riesca a esprimersi bene bene fuori casa, dobbiamo migliorare il nostro rendimento che è ancora un po’ diverso tra casa e fuori”.

Tabellino: Club Italia Crai – Banca Valsabbina Millenium Brescia 1-3 (16-25, 25-23, 18-25, 10-25)

Club Italia CRAI: Morello 1, Omoruyi 1, Fahr 8, S. Nwakalor 19, Pietrini 7, Lubian 9; De Bortoli (L). Populini 1, Battista 6, Malual 1, Panetoni (L), Scola. Ne: Kone, L. Nwakalor. All. Bellano.
Banca Valsabbina Millenium Brescia: Villani 13, Veglia 5, Nicoletti 20, Rivero 16, Miniuk 9, Di Iulio 3; Parlangeli (L). Biava 3, Norgini. Ne: Manig, Pietersen, Washington, Bartesaghi, Baccolo. All. Mazzola.
Arbitri: Mariano Gasparro e Matteo Talento
Durata set: 24’, 29’, 26’, 23’
Club Italia: a 4, bs 14, m 10, et 27.
Brescia: a 8, bs 9, m 9, et 16.

Comments

comments

Previous
Next
Translate »