Skip to Content

“Missionari musicisti nella Cina imperiale”

“Missionari musicisti nella Cina imperiale”

Closed
by Agosto 28, 2018 Musica

Appuntamento domenica alle 11 in Sala Alessi. Ingresso gratuito, prenotazioni online da giovedì alle 14

 Sarà dedicato all’incontro musicale fra Europa e Cina nel XVIII secolo, il concerto di domenica 2 settembre, alle ore 11:00, a Palazzo Marino, che propone un repertorio particolarmente raro e ricercato: l’ensemble Alraune eseguirà le composizioni di due autori di notevole interesse storico, il prete Lazzarista Teodorico Pedrini (1671 –1746) e il gesuita francese Joseph Marie Amiot (1718 – 1793), entrambi missionari in Cina.

La stagione 2018 della rassegna Palazzo Marino in musica continua così a raccontare l’affascinate storia delle commistioni musicali tra oriente e occidente, attraverso le straordinarie figure dei due musicisti e compositori, fra i primi ad introdurre la musica occidentale in Cina. Di Pedrini, quasi certamente allievo di Corelli e insegnante dei tre figli dell’Imperatore Kangxi, saranno eseguite la Sonata terza e quarta da “Le dodici sonate a Violino solo col basso, Opera terza” firmate con l’anagramma “Nepridi. Queste Sonate sono le uniche composizioni musicali occidentali del Settecento conosciute in Cina. Di Amiot, grande studioso della lingua e della cultura cinese, scienziato, autore di numerosi trattati di musica e artefice della prima trascrizione in notazione occidentale della musica cinese, sarà eseguita la Suite dai “Divertissement chinois”; la raccolta costituisce una testimonianza preziosissima della musica cinese dell’epoca e dell’incontro tra strumenti musicali occidentali e melodie orientali.

Il concerto propone anche la Sonata op. 5 n. 9 di Arcangelo Corelli, le cui composizioni molto influenzarono la scrittura di Pedrini, non solo quando ancora risiedeva a Roma, ma anche in Cina, dove si fece inviare le ultime composizioni del Maestro di Fusignano. In programma anche splendide pagine musicali di altri due autori coevi di Corelli: la Sonata in re per viola d’amore del bolognese Attilio Ariosti e la Sonata per viola di Felice Giardini.

L’ensemble Alraune, specializzato nel repertorio barocco eseguito secondo prassi storica con strumenti originali, è una delle rare formazioni in Italia che propone il repertorio di Teodorico Pedrini.

Il concerto sarà introdotto dai ricercatori Fabio Galeffi e Gabriele Tarsetti, fondatori del Centro studi Teodorico Pedrini, che inquadreranno storicamente la figura del missionario italiano e presenteranno il volume “Son mandato à Cina, à Cina vado – Lettere dalla missione 1702 – 1744”, edito nel 2018 da QUODLIBET, di cui sono i curatori. Il volume è la prima pubblicazione organica di una parte del cospicuo epistolario pedriniano ed è la più importante opera del suo settore dopo i volumi dell’opera omnia di Matteo Ricci, curati dallo stesso editore e dall’Istituto Matteo Ricci di Macerata.

Immagine tratta dal sito Palazzo Marino in musica

Comments

comments

Previous
Next
Translate »