Skip to Content

AL CARROPONTE STASERA “TRASH TALK”,  EVENTO IN MEMORIA DEL RAPPER HAFIZ BRC MOHAMED. PARTECIPATE SOLO SE PRESI BENE.

AL CARROPONTE STASERA “TRASH TALK”, EVENTO IN MEMORIA DEL RAPPER HAFIZ BRC MOHAMED. PARTECIPATE SOLO SE PRESI BENE.

Closed
by giugno 18, 2018 Musica

HAFIZ Brc MOHAMED ( a destra) con il rapper Lil Supa. Photography by Roberto Ramirez

 

“Se questo mare è vostro, se questo posto è vostro è vostro anche il corpo di chi non si è salvato” cosi  cantava o meglio rappava come un profeta   Hafiz Brc Mohamed, il giovanissimo e recentemente scomparso rapper milanese di origine marocchina ed egiziana  nel suo famoso pezzo  “Cittadini del mondo” e al quale stasera 18 giugno è dedicato il memorial Trash Talk al Carroponte di via Granelli 1 a Sesto San Giovanni a partire dalle  20.30, con ingresso libero. Organizzato nell’ambito  del progetto  Milano il Mondo il festival delle culture da Associazione SINITAH e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo, che comprende l’organizzazione di eventi itineranti per la città per la valorizzazione degli spazi che caratterizzano i diversi quartieri e le culture che li abitano, Trash Talk è un evento in  cui hip pop, rap e reggae faranno da cornice alla memoria di questo giovane artista che ha lasciato un’impronta indelebile nella vita artistica e sociale milanese. La serata vedrà come protagonisti i rappers di nuova generazione, i writers ed i giovani artisti che hanno collaborato con Hafiz:   NH3,  Rap-Caverna Posse,  Manzish,  Stoma Emsi, Ahmed Romio X,  Beppe Rebel, Joachim Steiner, DE STRENGERS, G/RIOT   in fine gli AMICI DI HAFIZ. “Sorriso smagliante, battuta pronta , modi gentili, serenità coinvolgente e dietro al microfono un fiume di parole – scrive di lui Betty Masini, che si trovò a collaborare con Hafiz ad un concerto – che riuscivano a comunicare qualcosa di complicato con estrema immediatezza e semplicità come del resto è la musica rap: la denuncia della separazione razziale, la voglia di gridare quel bisogno di affermazione  al di la di quello stile che all’apparenza dà subito pensare ai quartieri dell’estrema periferia delle grandi città (….).“ Hafiz aveva un incredibile carisma e il dono raro di far andar d’accordo tutti – ci ha rivelato  il fotografo Roberto Ramirez che ha dedicato ad Hafiz gli scatti che commentano questo pezzo “ il segreto era il suo essere sempre positivo e la a sua parola d’ordine “sono preso bene”. L’ultimo desiderio di Hafiz era costruire un pozzo in Africa. E  durante l’evento di stasera sarà presentato il progetto. Fanno sapere i suoi amici che  che l’offerta, per chi volesse contribuire, è libera. E un’altra cosa fanno sapere: che il  Carroponte stasera diventerà la “patria” di ogni cittadino del mondo su questa terra. RIP giovane leone.

Photograhy by Roberto Ramirez ©

Comments

comments

Previous
Next