Skip to Content

FABBRICA DEL VAPORE: UNA NUOVA STAGIONE PER LA CREATIVITA’ GIOVANILE E PER LA CITTA’

FABBRICA DEL VAPORE: UNA NUOVA STAGIONE PER LA CREATIVITA’ GIOVANILE E PER LA CITTA’

Closed
by maggio 18, 2017 ATTUALITA'

Assegnati 12 dei 15 spazi all’interno della Fabbrica del Vapore. Le nuove realtà si insedieranno entro l’inizio dell’estate e avvieranno progetti innovativi in campo performativo, multimediale, visivo e culturale

 

La Fabbrica del vapore sarà sempre di più uno spazio pubblico vivace, permeabile ed aperto alla città, ideale luogo d’incontro tra la formazione e il lavoro dei giovani artisti. Il progetto Spazi al talento – promosso a marzo 2016 dalla precedente amministrazione, in particolare dall’assessora Chiara Bisconti, e proseguito in questi mesi con la procedura di valutazione delle 134 proposte presentate per la rigenerazione dell’ex Carminati Toselli – è finalmente pronto a partire.

Il bando con cui il Comune di Milano ha deciso di rilanciarne il progetto culturale ha infatti portato all’assegnazione in concessione d’uso triennale dei primi 12 spazi del complesso immobiliare di via Procaccini 4, che entro l’inizio dell’estate vedranno l’insediamento di tutti i nuovi soggetti e l’avvio dei progetti innovativi presentati in campo performativo, multimediale, visivo e culturale. I tre spazi ancora disponibili saranno presto oggetto di un nuovo bando pubblico.

Si tratta di un altro passo fondamentale per il rilancio di Fabbrica del vapore, che rafforza la sua identità di polo dedicato alla cultura, alla creatività giovanile e all’innovazione in campo artistico e performativo. A curare il coordinamento artistico, in costante dialogo con i soggetti assegnatari, sarà Fondazione Milano – Scuole civiche, che da sempre ha nel proprio DNA l’attenzione alla formazione culturale dei giovani, il sostegno alla creatività e l’apertura verso la città: elementi che possono trovare terreno fertile in Fabbrica del vapore attraverso musica, teatro, danza, cinema, arti performative e nuovi media. Proprio come è successo nelle più grandi città europee, dove complessi di archeologia industriale recuperati, ormai inglobati nei centri cittadini, sono diventati cantieri di idee, incontri, progetti e sviluppo.

 

Milano Etno Tv
Web Television

Comments

comments

Previous
Next