Skip to Content

EMBARGO ORE 20.30 I VINCITORI DEL 27° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA

EMBARGO ORE 20.30 I VINCITORI DEL 27° FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA

Closed
by marzo 25, 2017 EVENTI
Milano, 25 marzo 2017 – Saranno annunciati questa sera nel corso della Cerimonia di Premiazione i vincitori del 27° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina.
Al film House in the Fields di Tala Hadid (Marocco/Qatar 2017) va il Premio Comune di Milano – Miglior Lungometraggio Finestre sul Mondo (8.000 euro)Per la scheda del film clicca qui.
Il Premio come Miglior Cortometraggio Africano va al film Un enfant perdu (Senegal 2016) di Ndiaye Abdou Khadir (2.000 euro)Per la scheda del film clicca qui.
Il Premio Extr’A – Razzismo brutta storia va al film a Moo Ya (Italia/Uganda 2016) di Filippo Ticozzi (1.000 euro)Per la scheda del film clicca qui.
Il film più votato dal pubblico – Premio del Pubblico Città di Milano è El Amparo (Venezuela/Colombia 2016) di Rober Calzadilla. Per la scheda del film clicca qui.
In allegato le immagini.
PREMI UFFICIALI
 
CONCORSO LUNGOMETRAGGI “FINESTRE SUL MONDO”
Giuria composta da:
Rachid Benhadj, Presidente – regista (Algeria)
Massimo D’Anolfi e Martina Parenti – registi (Italia)
Spranga D. Katugampala – regista (Sri Lanka – Italia)
assegna il Premio Comune di Milano come Miglior Lungometraggio a House in the Fields (Marocco/Qatar 2017) di Tala Hadid (8.000 euro).
Per la scheda del film clicca qui.
 
CONCORSO CORTOMETRAGGI AFRICANI
Giuria composta dai giornalisti:
Anna Bandettini, Presidente – La Repubblica
Sara Del Corona – Marie Claire
Francesco Rizzo – La Gazzetta dello Sport
assegna il Premio come miglior Cortometraggio Africano a 
Un enfant perdu (Senegal 2016) di Ndiaye Abdou Khadir (2.000 euro).
Per la scheda del film clicca qui.
Menzione speciale a
Fatima (Francia/Algeria 2016) di Nina Khada.
Per la scheda del film clicca qui.
 
CONCORSO EXTR’A – RAZZISMO BRUTTA STORIA
La Giuria composta da Anna Bandettini, Sara Del Corona e Francesco Rizzo assegna il Primo Premio a 
Moo Ya (Italia/Uganda 2016) di Filippo Ticozzi (1.000 euro).
Per la scheda del film clicca qui.
Menzione speciale a
Wiwanana (Italia/Mozambico 2017) di Iacopo Patierno.
Per la scheda del film clicca qui.
 
PREMI SPECIALI
 
PREMIO CITTA’ DI MILANO
al film più votato dal pubblico
El Amparo (Venezuela/Colombia 2016) di Rober Calzadilla.
Per la scheda del film clicca qui.
 
PREMIO ARNONE – Bellavite Pellegrini Foundation
al film
Nyerkuk (Sudan 2016) di Mohamed Kordofani
Il premio, che consiste nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia, è assegnato da una Giuria di studenti al miglior cortometraggio che affronti i temi della globalizzazione, della governance, della legalità e del dialogo interculturale. La giuria è composta da: Andrea Alberti, Martina Allegra, Tommaso Anzalotta, Ahmed Bahar, Elena Bocciarelli, Gian Fernando Cabel, Natalia Gagnola, Simona Caliò, Marco Casciello, Luca Cipriano, Simone Columbano, Odara De Masi, Francesca De Pasquale, Alba Franceschi, Mirko Mangiolfi, Sara Messina, Margherita Minetti, Yormari Puerari, Martina Rota, Lucrezia Savia, Christian Siatoni, Francesca Smargiassi, Giorgia Vignola.
Per la scheda del film clicca qui.
 
PREMIO CINIT
al film
Un enfant perdu (Senegal 2016) di Abdou Khadir Ndiaye
Il premio, che consiste nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia, è assegnato ad un cortometraggio africano con valore educativo.
Per la scheda del film clicca qui.
 
PREMIO ISMU
al film
Une place pour moi (Ruanda 2016) di Marie Clémentine Dusabejambo
La Fondazione Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità) assegna un premio al miglior cortometraggio del Festival con valore pedagogico. Il Premio consiste nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia ed è assegnato da una giuria composta dai docenti Erica Arena, Anna Giorgia Barbaro, Franco Brega, Tullia Castagnidoli, Simona Cella, Mara Clementi, Antonella Di Nardo, Paolo Ermano, Virginia Guarneri, Gabriella Lessana, Lucia Lorenzo, Monica Luisa, Fabio Mantegazza, Valeria Marchesi, Nicolas Mijares, Anna Mondi, Nicoletta Santilli, Marina Santini, Felicia Santorelli, Giuseppina Scalise, Francesco Sciaccaluga, Laura Succi.
Per la scheda del film clicca qui.
PREMIO CUSME
al film
Ailleurs (Marocco 2016) di Othman Naciri
La Fondazione CUMSE assegna un premio al miglior cortometraggio del Festival che promuove il dialogo fra le culture. Il Premio consiste nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia ed è assegnato da una giuria CUMSE.
Per la scheda del film clicca qui.
PREMIO POLIS srl
al film 
Wallay (Te lo giuro) (Burkina Faso 2017) di Berni Goldblat
Il premio, che consiste nell’acquisizione dei diritti di distribuzione in Italia, è assegnato a un film  che favorisce l’integrazione e la coesione sociale.
Per la scheda del film clicca qui.
PREMIO SIGNIS (OCIC e UNDA)
al film
Félicité di (Francia/Senegal/Belgio/Germania/Libano 2017) Alain Gomis
Il premio è assegnato dalla The World Catholic Association for Communication.
Per la scheda del film clicca qui.
PREMIO LENOVO
al film
My Little Dhaka (Italia 2016) di Rossella Anitori
Lenovo premia con uno Yoga Book il miglior giovane autore che attraverso il suo lavoro ha saputo raccontare la diversità e le sue sfumature.
Per la scheda del film clicca qui.
PREMIO PROSPETTIVE
al film 
Babbo Natale (Italia 2016) di Alessandro Valenti
Il premio è assegnato a un cortometraggio del Concorso Extr’A – Razzismo Brutta Storia da una giuria composta dai richiedenti asilo ospitati dal COE a Esino Lario.
Per la scheda del film clicca qui.
 
Dal 1991 il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina è l’unico festival in Italia – e uno dei 3 in  Europa dedicato alle cinematografie e culture dall’Africa, Asia e America Latina. Il Festival è organizzato e promosso dall’Associazione Centro Orientamento Educativo – COE, una ong che dal 1959 promuove progetti di cooperazione culturale nei 3 continenti, con particolare attenzione alla promozione di arte e cultura. Il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina è socio fondatore di Milano Film Network (MFN), la rete che unisce l’esperienza e le risorse dei sette festival di cinema milanesi.
 
Per ogni ulteriore informazione
COE – Centro Orientamento Educativo, tel. 02 6696258
 
Ufficio Stampa
Studio Sottocorno – Lorena Borghi
con la collaborazione di Alessandra De Paoli e Irene Magrì
 

Comments

comments

Previous
Next