Skip to Content

È SCOMPARSO ANSELMO DI MICHELE, COLONNA DELLA SNAM E DELL’ATLETICA MILANESE

È SCOMPARSO ANSELMO DI MICHELE, COLONNA DELLA SNAM E DELL’ATLETICA MILANESE

Closed
by marzo 14, 2017 SPORT

È scomparso stamane a 83 anni Anselmo Di Michele, figura dirigenziale di grande spessore non solo per l’atletica milanese. Il suo nome è legato alla Società Sportiva Snam di San Donato, la città in cui arrivò nel 1962 per lavorare: Di Michele, classe 1934, era infatti nato a Pescara e là aveva trovato linfa la sua passione per l’atletica leggera prima come marciatore e poi come giudice di gara.

 

A San Donato già negli Anni Sessanta assieme a Luigi Cochetti e ad Alessandro Rossi (con cui poi costituirà un trio decisivo per l’ascesa del club) parte con una società prettamente legata all’attività giovanile: la prima giovane a trovare una vetrina nazionale è la velocista Lella Bertoldo. Il cambio di marcia avviene dagli Anni Settanta, quando, sullo slancio di un accordo con l’ufficio assicurazioni della Snam, prende il La quella che sarebbe diventata una corazzata in grado di conquistare nove scudetti femminili tra il 1990 e il 2001 e di duellare con i club militari al maschile, raggiungendo la cifra record nel 1996 di 32 atleti nelle varie nazionali. Nella SS Snam, di cui Di Michele è stato per oltre 30 anni segretario prima di ricoprire il ruolo di presidente della SS Metanopoli (società “erede” della Snam a “trazione” giovanile), sono nati agonisticamente atleti come Gennaro Di Napoli e Andrea Nuti: con i colori sandonatesi hanno gareggiato Fiona May, Manuela Levorato e Antonella Bevilacqua, solo per citare tre nomi. Di Michele è stato anche consigliere federale a più riprese tra il 1973 e il 2004. «Con Anselmo se ne va un altro pezzo dell’atletica milanese a due anni dalla scomparsa di Renato Tammaro: era un uomo notevole nella sua semplicità e soprattutto un amico, lascia un vuoto incolmabile» il ricordo di Alessandro Rossi. Luigi Cochetti lo ricorda come «un dirigente brillante e una persona buona, che andava d’accordo con tutti».

 

Il Comitato Regionale in tutte le sue componenti e tutta l’atletica lombarda si stringono con affetto intorno ai quattro figli di Anselmo: «Uomo da sempre nell’atletica, era una figura di grande equilibrio, una persona competente e appassionata» è il ricordo del presidente FIDAL Lombardia Gianni Mauri. Una passione che aveva portato Di Michele, nonostante la salute e le energie non fossero quelle dei giorni migliori, ad assistere da spettatore ai Giochi di Londra 2012 e agli Europei di Zurigo 2014, a testimonianza di un amore sconfinato per questo sport.

 

NELLE FOTO dell’archivio SS Snam e FIDAL Lombardia: Anselmo Di Michele con la formazione Juniores della SNAM nel 1995 e (sulla sinistra) a Londra per i Giochi 2012.

FOTO libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione della fonte.

 

Ufficio Stampa Fidal Lombardia

 

Cesare Rizzi

tel. 335.5719926  / 339.2194229

fidal.lombardia@fastwebnet.it 

rizzi.cesare@gmail.com

www.fidal-lombardia.it

Comments

comments

Previous
Next