Skip to Content

WAX MAX PARTNER DELLA XXVII FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA

WAX MAX PARTNER DELLA XXVII FESTIVAL DEL CINEMA AFRICANO, D’ASIA E AMERICA LATINA

Closed
by marzo 10, 2017 EVENTI

In occasione della prossima edizione del Festival, WAXMAX è felice di far parte di questo ormai tradizionale appuntamento milanese con la cultura africana. Giunto al suo 27° anno, il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (Milano, 19-26 marzo 2017) è l’unico festival in Italia sulle cinematografie e culture dei 3 continenti (Africa, Asia e America Latina). Nel  Per il 2017 il FCAAAL sintetizza la sua proposta culturale nel claim “Where future beats”. La programmazione del festival quest’anno prevederà circa 60 film per 7 giorni di programmazione.

Nel quartier generale del Festival, il Casello Ovest di Porta Venezia, WAXMAX e i tessuti wax print, rielaborati dalla creatività del brand, saranno protagonisti di diverse iniziative.

Allestimento dello spazio di incontro ed espositivo /19-26 Marzo 2017

WaxWax curerà l’allestimento del Festival Center mettendo a disposizione poltrone, pouf e cuscini per creare un ambiente accogliente e confortevole, caratterizzato dalle forme del design occidentale unito ai colori delle stampe dei tessuti waxprint.

Nuovo contest Into the Wax/ 25 Marzo 2017

Dopo il successo dello scorso Fuori Salone WaxMax ripropone un set fotografico in cui chi vorrà potrà farsi fotografare e partecipare ad un Concorso a premi.

Workshop Furoshiki Wax/24 Marzo 2017  

 L’Africa incontra il Giappone: laboratorio in cui si potrà scegliere e conservare un quadrato di tessuto wax print col quale verranno insegnate alcune legature per confezionare borse, trasportare oggetti o impacchettare regali, in modo ecologico e    originale.  Durata: circa 30’, costo 8€ compreso il tessuto e cartoncino esplicativo.

Partecipazione all’incontro: Influenze e contaminazioni nel design e nella moda tra l’Africa e l’Italia / resto del mondo/ 24 Marzo 2017

Elena Vida, ideatrice di WaxMax, racconterà brevemente come è nato il progetto e come si sta evolvendo.

Parlare di moda e design africani non è semplice, come se l’Africa fosse un solo Paese anziché un mosaico di 54 nazioni e centinaia di culture diverse. Ancora più complicato parlare dell’estrema varietà di influenze. WAXMAX ha nelle sue corde l’idea della contaminazione creativa senza per questo volere togliere identità, ma anzi rafforzando ciò che di peculiare emerge, nel tentativo di far comprendere culture, usi e costumi. Perché anche attraverso moda e design ci si confronta e avvicina.  Dall’Africa – Mali, Sudafrica, Nigeria, Camerum, Senegal, Capo Verde, Marocco e.. –  attraverso la fotografia, la pittura, la moda, il design e la musica arrivano nuovi codici da decifrare, superando modelli predefiniti. WAXMAX getta uno sguardo interessante al grande continente antico ed alla sua evoluzione, innovando e creando nuovi orizzonti.

WAXMAX nasce nell’estate 2013 da una elice intuizione dell’architetto Elena Vida appassionata di tessuti wax print.

Italia e Africa si incontrano in WAXMAX, design e tradizione, etica ed estetica, stile urbano e colori esplosivi. Ogni oggetto racchiude una storia: quella di chi lo disegna, di chi lo realizza, del tessuto prescelto e infine di voi che lo scegliete.

Da un lato Milano, città del design e della moda, stimolante e faticosa, frenetica e rumorosa, bella nonostante tutto. Dall’altro, l’Africa, colori di paesi misteriosi, profumi di spezie, vociare di donne nei mercati. Ritmi lenti e sensazioni forti.

Qui, linee pulite e meticolosità della sapiente realizzazione artigianale italiana. Là, cultura africana del tessuto, ricca di storia, di simboli, di tradizione, di colore e di fantasie.

E’ questo WAXMAX, voglia di mescolare stili e culture, evasione, curiosità, desiderio di valorizzare il saper fare delle donne, nel mondo. Un progetto che unisce design, lavoro manuale, etica ed eleganza.

Ogni collezione è unica, composta da una serie di pezzi limitati, dalle forme pulite e rigorose e dai colori decisi. L’incontro fra design e tradizione artigianale dà vita a oggetti contemporanei e insieme senza tempo.

Piccoli laboratori, cooperative e botteghe artigiane di lunga tradizione vengono coinvolti per creare abiti, accessori e complementi d’arredo utilizzando il tipico tessuto comunemente detto “tessuto africano”.

Milano Etno Tv
Web Television

Comments

comments

Previous
Next