Skip to Content

STRANIERI,QUANDO E COME NOSTRO FIGLIO PUO DIVENTARE CITTADINO ITALIANO

STRANIERI,QUANDO E COME NOSTRO FIGLIO PUO DIVENTARE CITTADINO ITALIANO

Closed
by febbraio 25, 2017 ATTUALITA'

E’ già possibile per il figlio di genitori stranieri nato nel nostro Paese acquisire la cittadinanza italiana. Occorre però attendere il diciottesimo anno di età. E’ quanto prevede la legge n. 91 del 5 febbraio 1992. Lo scopo principale del provvedimento era evitare i casi di apolidia. Il testo stabilisce infatti che divenga in automatico cittadino italiano chi nasce in Italia da genitori ignoti o apolidi o impossibilitati a trasmettere al soggetto la propria cittadinanza secondo la legge dello Stato di provenienza o il figlio di ignoti trovato nel territorio italiano, qualora non venga provato il possesso di un’altra cittadinanza.

In sostanza, il figlio di cittadini stranieri che sia nato e vissuto in Italia, al compimento dei diciotto anni ha tempo dodici mesi per recarsi presso l’Ufficiale di Stato Civile, invece di rivolgersi alla prefettura, e avanzare richiesta di cittadinanza. In questi casi l’ordinamento prevede una corsia preferenziale: non sono previste condizioni come il reddito sufficiente o l’essere incensurati e si può essere iscritti nel registro di cittadinanza dopo il giuramento di rito. La documentazione richiesta include, oltre alla ricevuta del contributo di 200 euro da pagare al ministero dell’Interno, la copia integrale dell’atto di nascita, un permesso di soggiorno ininterrotto dalla data di nascita sino al compimento dei 18 anni, il certificato storico di residenza dalla nascita sino al compimento dei 18 anni di età e un passaporto valido.Ma per completare tutto, alla nascita, i genitori dovevano essere muniti di regolare permesso, di soggiorno e il figlio iscritto al nucleo familiare,anche questa procedura doveva essere completata nei tempi previsti, se tutto questo era stato fatto con la correttamente ,il figlio al 18esimo anno di eta’ puo reclamare la cittadinanza Italiana.

 

Comments

comments

Previous
Next