Skip to Content

L’incanto del Presepe a Palazzo Marino

Closed
by dicembre 5, 2016 EXPO GALLERY

Il presepe arriva a Palazzo Marino: durante le festività natalizie il cortile d’onore ospiterà il presepe monumentale del maestro Francesco Artese. L’artista vanta un’esperienza trentennale come ideatore e realizzatore di presepi lucani, in cui trova rappresentazione l’ambiente dell’antica civiltà contadina della Basilicata, basata sul lavoro nei campi e sugli antichi mestieri, e il paesaggio dei Sassi di Matera, iscritta nel 1993 dall’Unesco tra i Patrimoni dell’Umanità.
Il progetto vede per la prima volta la collaborazione e la promozione reciproca tra Milano, città di Expo 2015, e Matera, eletta a capitale della Cultura Europea per l’anno 2019.

L’opera sarà inaugurata lunedì 5 dicembre e potrà essere visitata gratuitamente a partire da martedì 6 dicembre, con ingresso da via Marino. 

Storia e cultura nel presepe lucano

Il viaggio dei presepi monumentali della Basilicata ha avuto inizio nel 2009 ad Assisi e negli anni la tradizione si è fatta carico di divulgare la conoscenza dei luoghi  attraverso una narrazione emozionale: il presepe del maestro Franco Artese è infatti il racconto della nascita di Gesù nel contesto di un paesaggio che non ha eguali, quello dei borghi della Basilicata e dei Sassi di Matera, scelto da Pasolini per il suo “Vangelo secondo Matteo” affermando di aver ritrovato qui i volti e i luoghi “intatti” che in Palestina erano andati perduti.
Nelle statue e nel fondale del presepe lucano vive il racconto del mistero della Nascita insieme a quello della storia, della cultura e del paesaggio di una Terra ricca di naturale spiritualità, millenario crocevia di popoli e tradizioni, capace di sorprendere i visitatori in un viaggio senza tempo fra chiese rupestri, abbazie, santuari, cattedrali, borghi.
L’immagine della Vergine che offre al mondo il figlio di Dio si ispira alla Madonna in Bronzo dell’artista Daphné du Barry, protesa sulle valli del Pollino dal santuario mariano di S. Severino Lucano. L’abbraccio dei personaggi al centro della scena incarna idealmente il perdono e la misericordia, tema fondante del Giubileo del 2016, al centro anche dell’opera di Piero della Francesca ospitata negli stessi giorni nella Sala Alessi di Palazzo Marino.

Comune milano

Milano Etno Tv
Web Television

Comments

comments

Previous
Next